Immagine

ELENCO DEI GIOCATORI

 

Acciari Italo
Addari Daniele 1984 Port
Agnolet Adelio 1955 Att
Aleandri Emiliano 1973 Cent
Alessandri Alessandro 1970 Port
Alessandrini Pierluigi 1974 Dif
Allegretti Alberto 1963 Cent
Aloisi
Alongi 1960 Port
Alteri Damiano 1977 Cent
Amalia 1950 Att
Angelilli
Angelini Luigi  1966 Cent
Angeloni
Angi Alfredo 1954 Port
Antonucci Att
Ascenzi Maurizio 1954 Dif
Attini Antonio 1961 Cent
Bacile Maurizio 1950 Dif
Baldoncini Emiliano 1981 Dif
Barberini
Barraco 1980 Cent
Bartosi
Battista
Becherelli Giampiero 1966 Cent
Bedotti Adolfo 1961 Att
Bellisari Ercole 1964 Dif
Benetti Massimo 1984 Att
Benvenuti Luciano 1964
Benzon Massimo 1965 Att
Bergami Roberto 1944 Dif
Bernocchi
Betulli Fabio 1962 Cent
Biancifiori Mauro 1983 Dif
Biancifiori Roberto 1980 Dif
Billardello Vincenzo 1964 Cent
Billaud
Biondi Fabio 1969 Cent
Bissantini
Bondoni Maurizio 1962 Port
Bonetto 1978 Dif
Bonifazi Enrico 1964 Dif
Boratto Mariano 1972 Cent
Borsetti Filippo 1972 Port
Bottini
Brigliadori Sergio 1961 Dif
Brinciotti Roberto 1964 Dif
Bruscolini Alfredo 1950 Att
Bruscolini Roberto 1952 Cent
Bruscolotti 1959
Bucci
Bucci Nando 1974 Att
Caccia Claudio 1968 Dif
Cacciamani
Calì
Camillo Gaetano
Camponeschi Alessandro 1972
Cantagallo
Caponetti
Caporaletti Fabio 1963 Att
Capparella Marco 1975 Att
Caprioli
Caputi  1959
Caputi Corrado 1973 Cent
Carbone Maurizio 1961 Dif
Cardile Piero 1959 Cent
Cardillo Stefano 1962 Att
Cari  1962 Cent
Carluccio Antonio 1980 Att
Caroletta
Carpenti 1949 Dif
Carracoi Fabrizio 1967 Att
Carravetta
Caruso
Casagrande Mauro 1961 Dif
Casalvieri Walter 1963 Port
Castellani 1949 Dif
Castelli 1961 Cent
Castello
Caterino Nicola  1964 Cent
Cattarin
Ceccacci Patrizio 1963 Cent
Ceccarelli Maurizio 1972 Dif
Ceccobelli Gian Marco 1953 Att
Cecconi
Centamore Adriano 1973 Dif
Cerasa
Cerasani Vittorio 1947 Att
Cervone
Checconi Manuel 1976 Dif
Chiari Stefano 1951 Att
Chiodi Stefano 1964
Cimini David 1964 Att
Cinti Renzo 1972 Cent
Cocco Antonio 1964 Dif
Colaneri Aristide 1969 Dif
Colasante Alberto 1975 Dif
Colella 1970
Colella Fabio 1965
Collura Andrea 1981 Att
Colonna Massimiliano 1969 Att
Conti Nicola 1960 Dif
Conti Pietro 1953 Dif
Corbi Paolo 1973 Cent
Corrias Raoul 1974 Att
Cortellessa Giorgio 1941 Att
Costa Alessandro 1974 Port
Crescenzi Giuseppe 1952 Att
Crielesi Dif
Criscenti Giancarlo 1953 Dif
Cristella Antonello 1977 Att
Cucchi
Curatella Dario 1968 Port
D’Ugo Pasquale
D'Adamo Massimiliano 1973 Att
D'Alicandro Marco 1962 Dif
D'Amadio Massimo 1961 Port
D'Antoni Alessandro 1972 Port
Davato Ivo 1954 Dif
D'Azzeo Vincenzo 1965 Cent
De Mango  Port
De Mango Giuseppe 1964 Cent
De Stefano Roberto 1961 Dif
Del Grande 1950 Port
D'Elia "Lillo" 1952 Dif
D'Elia Stefano 1952 Dif
Della Martira Mauro 1951 Dif
Della Rocca Fabrizio 1964
Della Valle Gianluca 1974 Cent
Delle Grotti Alessandro Port
Denicolantonio Enrico 1964 Att
Di  Napoli Massimiliano 1972 Att
Di Bello Vincenzo 1951 Port
Di Carlo Gianfranco Cent
Di Chiara Alberto 1964 Cent
Di Gennaro Augusto 1963
Di Gennaro Daniele Att
Di Giosia Daniele 1979 Dif
Di Giovambattista
Di Marco  
Di Marco Fausto 1962 Att
Di Marco Fausto 1962 Att
Di Pietropaolo
Di Pofi
Di Spigno Fabrizio 1975 Cent
Di Stasi Gaetano 1952 Cent
Di Stefano Roberto 1961 Dif
Di Tommaso Gianluca Port
Di Tommaso Mattia 1985 Cent
Di Vittorio Fabrizio 1965 Cent
Dianetti Ugo 1959 Dif
Dionisi Romolo 1951 Cent
Dionisi Sergio 1964 Cent
D'ippoliti Emialiano 1971
Donati
Donzelli Marco 1963 Att
Drago Valentino 1964
D'Ugo Pasquale
Fabeni Franco 1963 Cent
Fabiani Maurizio 1962 Cent
Fagiani Oscar 1965 Dif
Falconetti Roberto 1951 Dif
Falso Carmine 1957 Dif
Fanelli Pietro 1947 Att
Fani Fabio 1964 Cent
Fanone Massimo 1962 Dif
Fantini 1962 Att
Ferretti    1950 Att
Ferretti Nicola 1973 Cent
Fiani
Filice Marco 1964
Filice Marco 1964
Fiorani 1970 Att
Fiorentino  1979 Cent
Fiorentino Marco 1977 Cent
Fiori Dif
Fischialetti Fabio 1976 Dif
Fischialetti Stefano 1981 Cent
Flamini 1945 Att
Flamini Salvatore 1942 Dif
Florio Ivo 1951 Att
Focarelli 1961 Dif
Fois Roberto 1967 Cent
Forneris Marco 1981 Dif
Francabandiera Maurizio 1963 Dif
Franceschini Tonino 1954 Dif
Francione Francesco
Frenguelli 1959
Fulgenzi Port
Furlani 1947 Att
Gagliardi Bruno 1944
Gagliardi Daniele 1973 Att
Gagliardi Roberto 1947 Att
Galassi Ivano 1965 Dif
Galimberti Alessio 1974 Dif
Galli
Galli Maurizio 1954 Dif
Galli Nazzareno 1950 Dif
Ghersevich 1949 Port
Giacomini Andrea 1987 Cent
Giacomini Pierluigi 1984 Dif
Giacomucci Giorgio 1961 Cent
Giagulli Francesco 1959 Dif
Giammei 1947 Cent
Giannini
Giardini Roberto 1973 Cent
Gigli 1948 Att
Gioacchini Roberto 1963 Cent
Giordani Fabio 1961 Att
Giordano  1952 Att
Giuliani Luigi 1952 Cent
Giusti Giuseppe 1962 Cent
Gori Emanuele 1981 Cent
Grassi Alessio 1981 Port
Graziani Francesco 1952 Att
Graziosi Att
Grimaldi
Guardia Carlo 1964 Cent
Guidaci Massimo 1974 Cent
Gulisano Alfredo 1952 Dif
Hubner Walter
Iacoella Alessandro 1954 Dif
Iannaccone 1972 Dif
Iannilli Fabio  1957 Cent
Imperiali 1946 Port
Izzo Giampiero 1961 Dif
Izzo Mauro 1965 Port
Lacchè 1952 Port
Lancia
Lazzara Maurizio 1963
Leone Filippo 1967 Port
Lescarini Simone 1974 Port
Leva Fabrizio 1980 Cent
Libanore Giancarlo 1981 Dif
Libanore Giuseppe 1975 Att
Liberti Alessandro 1981 Cent
Limiti Ugo 1952 Dif
Locci Franco 1949 Dif
Longarini Marco 1974 Port
Lorenzi Luigi 1960 Cent
Loreti 1965 Port
Lucantoni Francesco 1970 Cent
Lucantoni Stefano 1960 Att
Lungarini Giuliano 1947 Dif
Luzzetti Fabio 1965 Dif
Maggi 1949
Magliocchetti Antonio 1954 Att
Maisti Mauro 1951 Cent
Malerba Cent
Mammola 1975 Cent
Mancini Fabio 1969 Port
Mancini Stefano 1975 Cent
Maniccia Angelo 1972 Dif
Marcelli
Marchionne Alessio  1974 Dif
Mari Simone 1981 Dif
Mariani 1980 Port
Mariani 1972 Dif
Martella 1980 Port
Martinelli Enzo 1961 Cent
Martinelli Maurizio
Massaro Simone 1975 Port
Massimi Lorenzo 1977 Dif
Mastrantonio
Matano Marco 1974 Cent
Mattei Filippo 1971 Cent
Mazzei
Mazzelli 1960 Dif
Meffe Jonathan 1984 Cent
Mei Marco 1973 Att
Mennuti 1951 Att
Michesi Pietro 1950 Att
Miloni 1961 Dif
Modesti 1954 Dif
Moltoni
Monaco Massimo 1953 Cent
Mongia 1961
Montagnoli 1975 Cent
Montanari Federico 1951 Dif
Montesardo Mauro 1974 Dif
Monti Amleto 1974 Dif
Montini
Montrone Gianni 1964 Dif
Moraldi Aldo 1951 Att
Morea Vito 1951 Cent
Moretti 1951 Att
Morgia 1959
Morra Mauro 1961 Cent
Mosca Massimiliano 1968 Cent
Mosconi Roberto 1953 Dif
Mozzoni Claudio 1974 Att
Muzi 1963 Port
Nalbone Alessio 1981 Port
Nasponi
Nota 1976 Cent
Novelli  Dif
Nunziata 1959
Olivieri Emilio 1959 Port
Onorati Alberto 1940 Port
Onorati Marco 1964 Port
Onorati Paolo Port
Orocini Andrea 1972 Cent
Ottaviani Roberto 1959 Cent
Ottaviano
Palazzo Att
Palermo Nicola 1968 Att
Palluzzi Vincenzo 1973 Cent
Palmeri Alessandro 1972 Cent
Palmieri Stefano 1954 Dif
Paltoni Sandro
Panoni Francesco 1974 Cent
Passi
Pastesini Gian Marco 1975 Cent
Pastesini Riccardo  1978 Cent
Pastesini Valerio 1976 Cent
Pavoni
Pea Gianluca 1973 Att
Pea Simone 1979 Att
Pelillo 1952 Dif
Pellegrini Mauro 1966 Dif
Pellegrino 1962 Cent
Pepe Marco 1964 Dif
Perillo Cent
Perrone Luca  1984 Dif
Perticoni Giovanni 1951 Cent
Petroccia Michele 1986 Cent
Petrucci Antonio 1964 Cent
Pette Raffaele 1974 Port
Pettinato Daniele 1979 Cent
Pettinato Danilo 1977 Att
Piacentini Giorgio 1964 Cent
Pica Edmondo 1946 Cent
Picchetti Cent
Picotti
Pierucci Claudio 1973 Att
Pietrantoni Stefano 1956 Cent
Pievani Emiliano 1976 Dif
Pievani Emiliano 1976 Dif
Pievani Sergio 1949 Dif
Pievani Walter 1951 Dif
Pignotti Port
Pimpolari 1973 Att
Pirolli 1982 Cent
Pisani Marco 1984 Cent
Pisani Simone 1981 Dif
Pisani Valerio 1989 Cent
Piselli Antonio 1965 Port
Piselli Fabrizio 1967
Placidi Massimo 1951 Cent
Poccelli
Pochesci Sandro 1963 Cent
Polani 1980 Att
Polani 1980 Att
Pozzi Marcello
Proietti Francesco 1964
Prolli Paolo 1981 Dif
Puccetti Patrizio 1951 Cent
Quaresima 1971 Dif
Quercioli Moreno 1950 Att
Quintigliani Luciano 1953 Dif
Raffaeli Enrico 1952 Port
Raffin Mauro 1952 Att
Ragni 1963 Att
Raimondi Fabrizio 1970 Dif
Raimondi Walter 1966 Dif
Reali Enzo 1951 Cent
Rebuzzi Fabio 1982 Att
Reddavide Maurizio 1980 Cent
Rinaldi Giancarlo 1974 Cent
Rocca Francesco 1954 Dif
Rocchi Aurelio 1983 Dif
Romani 
Rosace Emiliano 1977 Cent
Rossi Erminio 1981 Cent
Rossi Eugenio 1965 Cent
Rotondo
Rucco
Ruzzi
Sabatucci Cent
Saccheri Emiliano 1973 Cent
Sacrafena Enrico 1950 Dif
Salvatori Gianfranco 1962 Att
Salvatori Paolo 1974 Dif
Salvitti 1961 Cent
Santorelli Gianni 1950 Port
Santucci Alessandro 1982 Att
Sassaroli Gianni 1946 Att
Scipioni
Sciusco Sandro 1965 Dif
Sebastiani Luigi  1951 Att
Senese Mauro 1964 Dif
Senesi Att
Serafino Simone 1973 Dif
Sfarra Marco 1964 Cent
Sorci 1949 Att
Soverini
Sozzi Marco 1963 Cent
Spadoni Roberto 1964
Stazi Att
Stefani Luciano 1952 Port
Stringaro Roberto 1952 Att
Superchi Franco Port
Tabacchiera Angelo 1954 Cent
Taloni
Taranto 1961 Att
Tempestilli
Teodori 1977 Cent
Teodori Saverio 1952 Att
Tersini Claudio 1954 Dif
Tinaburri Felice 1975 Dif
Tizzano
Tocci Guido 1962 Cent
Tocci Maurizio 1951 Dif
Toda Roberto 1966 Cent
Tomassetti Fabio 1963 Dif
Tonon
Tortorici Cent
Travagliati Alessandro 1973 Att
Tretta Massimo 1959 Cent
Treu Port
Triggiano  1949 Cent
Tropeano Michelangelo 1964 Cent
Tucci Vincenzo 1964
Tumino Roberto 1962 Cent
Ursitti 1964
Valeri
Vanni Carlo 1964 Dif
Venturi Primo 1951 Cent
Virgili Andrea
Vitaletti Valter 1972 Cent
Zaccagnini Fabio 1953 Att
Zampella Giuseppe 1957 Cent
Zucchelli
Zuin Emiliano 1973 Att
Lecci Fabio Massimo  1948  
Cerasani Vittorio 1947 Att

 

Commenti Commenti (63572)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

La Storia del Bettini Quadraro

Cari Amici, iniziamo a scrivere la storia del Bettini insieme a Voi. A partire da sabato 24 aprile, per tutti i sabato mattina, presso il campo Gerini Quadraro Via del Quadraro 311 tel . 06.45420549, sede della Pol. Quadraro Cinecittà, dalle ore 9.00 alle ore 12.30 comincieremo a raccogliore dati per scrivere la storia del grande Bettini Quadraro. Ci servono Foto, scritti, organigrammi di quegli anni che avete giocato o in cui hanno giocato voi stessi, i vostri parenti (padri, fratelli, zii ) e/o amici. Il sig. Walter De Bardi (Segretario dell'iniziativa) insieme a tutti noi, raccoglierà i dati per poi publicarli. Il libro, secondo le nostre intenzioni, dovrebbe uscire per metà/fine novembre e sarà un bel regalo da mettere sotto l'albero di Natale. Chi avesse cassette da riversare in DVD può farlo perchè accanto al libro ci sarà un DVD che raccolgierà le foto non publicate nel libro. Si accettano poi delle testimonianze sulle squadre dilettanti che sono esistite un tempo ma che ora non ci sono più.
Vi aspettiamo numerosi

Commenti Commenti (11)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

la storia del bettini quadraro

di claudio d'aguanno
Quella è una stagione tutta da incorniciare e sulle tute c?avevamo una Q maiuscola, come Quadraro, stampata sul petto. Eravamo proprio una squadra seria...
Svoltata via Cave il più era fatto. Il trenino biancoblù della Stefer, che per via dei colori qualcuno chiamava laziale, partito da Termini una vita prima, all'altezza del pino secolare al 481 della Tuscolana, trovava pure modo di rallentare la corsa. Porta Furba, anni '60 o giù di lì, ti veniva incontro in un traffico di sgomitate ai finestrini, occhiate malandre, battute paracule, gesti persi in direzione delle baracche dell'Acquedotto Felice. Il mister della mia squadretta allievi c'aveva un po' la fissa per il tram e per questo motivo una trasferta dalle parti di Cinecittà era un viaggio che non finiva mai. Si partiva con l'11, una specie di accelerato Garbatella-Portonaccio, e dopo una mezzora, dalle parti di Piazza Vittorio si cambiava. La marcia lunga nel sud-est pallonaro era una caciara che a volte chiudeva in gloria ma spesso invece imbronciava in penitenza. Dipendeva dal risultato della partita. In ogni caso però, quando il trenino col pantografo sfiorava i ruderi secolari, il clima si dava una smossa. Al fontanone del Mandrione, a seconda delle ore e delle stagioni, ci vedevi pischelli ammollo, donne zingare che lavavano panni, cocomerari un tanto a fetta e file lunghe di militari, scarsi di paga e digiuni di donne, che da quelle parti c'andavano a puttane. Anche, forse, per dare un senso a quella loro "libera uscita" lontana da corvée, furerie, cippierre e signorsì.
 
Il curvone che imboccava  sulla discesetta del Quadraro s'apriva improvviso al sole del pomeriggio e a sinistra ti trovavi la borgata delle case basse, col cinema Folgore di via dei Quintili, mentre sulla destra c'erano i palazzoni di Cecafumo. Il mister ci avvisava che stavamo "in casa del Bettini" e qualcuno, più smagato degli altri, dalla terrazza della ferrovia t'indicava in lontananza, dietro le torri di De Renzi e Muratori, dov'è che stava il campo tosto dell'Ina Casa o più giù il Patti dell'Aurora Tuscolano. Ma il capolinea per tante borse, borsoni e scarpinacci zozzi, era proprio davanti al Cinecittà dove erano di casa i giallorossi di Lillo Imbergamo una formazione che per mezzo secolo e passa ha fatto la storia del calcio a Roma. Oggi su quel terreno c'è un ipermercato firmato Lamaro che sembra un tempio pagano, un accrocco babilonese per botteghe, merci e musica a palla. Qui al posto degli alberi e degli spogliatoi di una volta ci sono parcheggi e svincoli che dirottano sulla Palmiro Togliatti. Il campo s'è spostato in via Raimondo Scintu, alle spalle degli studi cinematografici e il faccione del Colosso di Rodi, un po' butterato dalle intemperie, sorveglia un viavai noioso di aspiranti veline o fans idioti del grande fratello. Non c'è più nessun trenino biancoblù che ci ferma davanti ma a ricordarci molte cose è proprio il presidentissimo e i suoi lampi di memoria partono dall'Italia del dopoguerra.
 
«Il racconto del Bettini - attacca Imbergamo - inizia nel '47. Un gruppo di ragazzi che si vedeva nella sezione del Pci di via Cincinnato, dove oggi c'è la trattoria, decise di mettere su una squadra di calcio e mi chiese di fare da organizzatore. La cosa buffa è che io c'azzeccavo poco con le loro convinzioni politiche e in campo ero una schiappa ma di pallone ne capivo assai. Insomma ero considerato al di sopra delle parti e in grado così di spartire le litigate quotidiane. Comunque sia si stabilì una sottoscrizione di mezza lira a testa e si battezzò la squadra col nome del giornale dei comunisti: Unità Quadraro. Il punto di ritrovo era il Bar Carfagna, all'incrocio tra via dei Quintili e via dei Lentuli, mentre per allenamenti e partite ufficiali s'andava al Sant'Anna. E così al nostro primo torneo Uisp arrivammo in finale contro l'Andrea Doria di Lionello Cianca. Andò bene. Alla fine andò bene. Ma, proprio perché non eravamo un club di signorini o forse perché il Quadraro è il Quadraro, tutto prese subito una piega alquanto movimentata. C'avevamo infatti un portiere che era una saracinesca, tutti lo chiamavano Bandone, era una sicurezza assoluta ma quello alla vigilia non trovò di meglio che mettersi nei guai.
"A Li' - corsero a dirmi i suoi amici - se so' bevuti Bandone".
Per farla breve mi toccò d'andare a parlare col maresciallo dei carabinieri. Non so come feci, erano altri tempi, però alla fine lo convinsi e in campo scendemmo al completo, scazzottammo come al solito ma, di dritta o di storta, ci guadagnammo un posto per il girone nazionale a Bologna.»
 
Sul carattere ribelle di quei ragazzi cresciuti nel perimetro stretto di poche vie, tra l'ex sanatorio Ramazzini e i pratoni dell'aereoporto e la Tuscolana, c'è chi c'ha scritto libri. Loro avevano frequentato le imprese gappiste di Sasà e di Carla, di Marisa Musu o di Clemente Scifoni che un giorno di marzo bussò alla porta dell'odiato questurino Stampacchia scaricandogli il revolver addosso. S'erano fatti adulti tra la sfrontatezza sottoproletaria del Gobbo e le azioni degli uomini di Bandiera Rossa, tra le deportazioni naziste e le rappresaglie infami. E per liberarsi non avevano neppure aspettato gli americani. Ora, per quei "banditi del Quadraro", la voglia di riscatto sapeva anche di calci al pallone e contrasti a centrocampo. «A Bologna - riprende l'anziano presidente - arrivò un'altra carrettata di impicci. Non c'era verso di disciplinare quella brigata. Senonchè la voglia di farsi valere a un certo punto fu più forte delle minacce di essere rispediti a casa. Cominciammo a giocare e in finale ce la vedemmo con l'Alessandria, una formazione da serie A. Prendemmo una sveglia ma quel giorno era nata una società di calcio.»
 
I primi a credere nell'impresa sono i commercianti del posto e Calogero Imbergamo detto Lillo è un mago di relazioni e inventiva manageriale. «C'era un ex brigadiere della stradale che s'era messo in proprio a fare biciclette. Si chiamava Roberto Quadraccia, organizzava gare e aveva il suo negozio al 14 di via dei Lentuli attaccato al Bar Carfagna. Lo convinsi a mettere il suo nome sulle maglie del Quadraro e fu praticamente il nostro sponsor per un bel po'. Come campo stavamo al Sangalli alla Maranella. Poi a un certo punto, visto che avevo in squadra il figlio di Zannetto Bettini che di mestiere faceva il pastaro, mi misi a tampinare lui, la moglie e tutta l'industria di famiglia fintantochè il marchio del migliore pastificio di tutta Roma divenne tutt'uno con quello della squadra. Da allora ci siamo chiamati Bettini Quadraro e, più o meno nel '55, ci siamo spostati a Cinecittà. Lì ci siamo rimasti più di trent'anni e lì sono venuti fuori i grandi campioni come Rocca, Ciccio Graziani, Superchi e Alberto Di Chiara. Lì su quel campo ci siamo fatti una nomina e di titoli ne abbiamo fatto collezione. A livello italiano e fuori. Pensa che a un torneo internazionale a Tolosa c'erano più di ventimila persone a vederci allo stadio battere il Real Saragoza.»
 
Difficile in tanto affollamento di volti e sorrisi scegliere le figurine migliori. «Beh - sospira Imbergamo - tutti gli allievi e juniores delle finali nazionali meriterebbero una citazione. Quella degli anni '60 era proprio una leva formidabile. E quel campo di Cinecittà, ormai scomparso, era mitico. C'ho visto crescere gente come Gianni Santarelli, un portiere di grande qualità che ha giocato alla Juve e ha fatto da secondo a Dossena. Ora allena all'Appio Claudio qui dietro sotto gli archi dell'acquedotto. E poi c'era Carpanti, Cattarin, Cucchi e un certo Triggiano che non si reggeva in piedi.
"Ma che combini? - gli facevo - Com'è che stai così aggravato? Vai a mignotte?"
"See - mi diceva - nun c'ho 'na lira preside'!"
"Allora, famme capì, cosa hai mangiato oggi a pranzo?"
E lui. "A pranzo a casa mia non si mangia."
"E a cena?"
"Verdura."
"E ieri?"
"Ancora verdura."
"Senti - dissi tirando fuori il portafoglio - dammi retta, va al macellaro che è un amico mio e fatte dà una bistecca come dio comanda..."
 
Ecco, ripeto, quella è una stagione tutta da incorniciare e sulle tute c'avevamo una Q maiuscola, come Quadraro, stampata sul petto. Eravamo proprio una squadra seria e più ci penso e più dovrei citare tutti. Oddio... tutti tutti magari no. Uno come Giammei che ci fece perdere il titolo italiano se lo rivedo lo butto subito fuori squadra. Pensa... mancavano pochi secondi alla fine, uno a zero per noi e fallo laterale a favore. Stavo in panchina col mister. Vai calmo gli faccio, batti bene, prendi fiato. E quel chiocchiolone invece rimette in gioco come uno sprovveduto e sul controfallo si mette a protestare con l'arbitro. Cartellino rosso, punizione per loro, difesa sguarnita e gol del pareggio beccato sul fischio finale. E fu così che poi ai rigori buttammo via il titolo di campioni d'Italia juniores. Ma come si fa? Te l'ho rivisto Giammei un po' d'anni fa. È grande e grosso e c'ha pure figli. Ma gliel'ho detto uguale: "A' Giamme', che m'hai combinato!»
 
Claudio D'Aguanno
 
Commenti Commenti (7)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Tra qualche giorno aggiorneremo il sito del Bettini Quadraro.... Nel frattempo preparatevi alla sorpresa !
Commenti Commenti (8)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

MenuMaker produced NavBar

Titolo
Secondo te è giusto far vivere il sito ?

 No, deve essere oscurato
 Si
 Si, ma deve essere aggiornato

< novembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
spazio disponibile

28/11/2022 @ 08:23:52
script eseguito in 1310 ms