Immagine
Cari Amici, iniziamo a scrivere la storia del Bettini insieme a Voi. A partire da sabato 24 aprile, per tutti i sabato mattina, presso il campo Gerini Quadraro Via del Quadraro 311 tel . 06.45420549, sede della Pol. Quadraro Cinecittà, dalle ore 9.00 alle ore 12.30 comincieremo a raccogliore dati per scrivere la storia del grande Bettini Quadraro. Ci servono Foto, scritti, organigrammi di quegli anni che avete giocato o in cui hanno giocato voi stessi, i vostri parenti (padri, fratelli, zii ) e/o amici. Il sig. Waler De Bardi (Segretario dell'iniziativa) insieme a tutti noi, raccoglierà i dati per poi publicarli. Il libro, secondo le nostre intenzioni, dovrebbe uscire per metà/fine novembre e sarà un bel regalo da mettere sotto l'albero di Natale. Chi avesse cassette da riversare in DVD può farlo perchè accanto al libro ci sarà un DVD che raccoglierà le foto e i filmati non publicati nel libro. Vi aspettiamo numerosi.
 
Grazie Papà, Grazie a Tutti,
L’Amore per la Famiglia e la passione per il calcio sono state linee guida della tua vita.
Calciatore e poi Mister Bottini , principalmente nel grande Bettini Quadraro, hanno portato alla ribalta oltre ai tanti trofei vinti in campo Nazionale ed Internazionale, la tua personalità fatta di Allenatore preparato ma dai valori umani punto di riferimento per i ragazzi che allenavi.
Gli stessi giocatori si sono ritrovati ieri stretti  ai tuoi funerali insieme a molti dirigenti e allenatori del glorioso Bettini Quadraro,  e  ci convincono sempre di più che il loro attaccamento nei tuoi confronti è riconoscenza per quello che in tanti anni hai insegnato insieme all’ amicizia che hai dato.
Per questi motivi siamo orgogliosi e fieri di aver avuto nella nostra vita un padre così importante e buono, allenatore bravo e preparato dalla figura paterna pronto a mettere fuori rosa anche il più bravo di tutti anche per un semplice comportamento sbagliato.
La Famiglia Bottini Ringrazia tutti i presenti al suo funerale e coloro che non potendo hanno rivolto un loro pensiero a nostro padre Bottini Alvaro .
Grazie di Cuore a tutti
Grazie Papà per l’Amore che hai dato
La Moglie e i figli Roberto, Luciano e Sabrina Bottini

 

E' venuto a mancare il grande Mister Bottini.

Mercoledì 13 maggio alle ore 10.30 alla chiesa di Don Bosco Cinecittà ci saranno i funerali.
Tutti noi del grande Bettini Quadraro porgiamo le condoglianze alla famiglia.
Ciao Mister Bottini !Sei stato per tutti noi un vero maestro di Sport e di Vita.

 

L'articolo sulle cena degli ex Bettini è stato pubblicato nell'edizione di martedì 17 marzo da " Il Corriere Laziale". Vogliamo pubblicamente ringraziare la testata giornalistica che a differenza di altri ha dato spazio all'evento.

la Redazione dl sito www.bettiniquadraro.it

 
Sono Massimo Placidi, sono venuto a conoscenza del sito oggi 17 marzo 2009. Ho vissuto uno splendido periodo nel Bettini Quadraro di Lillo Imbergamo con Silvestri allenatore e con compagni di squadra con i quali ho condiviso tra il 1966 ed il 1969 splendide emozioni che ricordo con piacere, come il torneo internazionale di Bolzano al quale partecipammo grazie al forfeit della A.S.Roma della quale indossammo persino i vestiti, io avevo quello di Pestrin.
Ho letto l'intervento sul sito di Roberto Bruscolini e di Enzo Reali che saluto caramente e ai quali potete mandare la mia e-mail.
Spero di poter partecipare se ci sarà al prossimo incontro che terrete.
Oggi sono un pensionato Istat e ho una agenzia immobiliare a Roma.
Vi saluto tutti con un forte abbraccio
 
                                                           Massimo Placidi
 

L'articolo "Metti una sera a cena" è Stato publicato da su Quaderni Tuscolani. Il sito è www.quaderni.biz.

Ringraziamo la testata gionalistica

 

Hanno legato il loro nome a questa immensa società e dopo vari anni si sono ritrovati.

 

Signori. Stiamo parlando del Bettini Quadraro, la società della Q sul petto, del quartiere ”ribelle” per eccellenza, che attraverso la sua squadra di calcio ha fatto parlare tutta l’Italia del mondo pallonaro.

 

Ma non una squadra qualunque, ma una squadra vera, fatta di uomini e di passioni, fondata nel 1947 da un  personaggio speciale, il grande presidente Calogero Imbergamo, detto Lillo per gli amici.

 

Così all’appello di qualche ex giocatore hanno risposto in tanti, e la partecipazione di oltre 100 persone è stato il segnale che la passione sportiva che questa immensa società ha trasmesso non è morta, ma vive nonostante gli anni, tra allegria  e commozione, tra ilarità e amicizia vera.

 

Sono arrivati, e questo si può dire, da tutta Italia, Triggiano da Ponsacco (Pisa) , Angelini da Firenze, Bacile da Alessandria.

 

Tanti da luoghi del Lazio un pò lontani, ma chissenefrega, per il Bettini Quadraro questo ed altro.

 

Come non è mancata la partita a calcio, non è certamente mancata la cena, vero cavallo di battaglia di questi incontri, dove tutti diligentemente si sono seduti vicino al compagno di squadra e per una sera si sono dimenticati della crisi, di qualche matrimonio buttato via  di una carriera  calcistica che forse poteva arrivare, ma in fondo va bene così.

 

Hanno richiamato anche i “big”, Graziani su tutti, che nonostante la sua fama calcistica di campione del Mondo non si è certo dimenticato di loro e ha mandato i propri saluti al telefono, avendo degli impegni professionali che non poteva rimandare.

 

Se non sono venuti di persona gli ex giocatori hanno mandato i papà, rimandando le mamme e i figli ad un prossimo incontro che si dovrà organizzare per forza, per rintracciare quelli che  non lo sapevano  e quelli che non potevano venire, per ricordarsi che non tutto è perduto e che altri incontri sarà possibile riproporre.

 

Per tutti coloro che vogliono sapere di più su questa società non resta che collegarsi al sito che è stato costruito, www.bettiniquadraro.it, e se qualcuno che è stato giocatore non è segnato, bè,  certamente sarà messo subito!

 

Il Bettini Quadraro non si dimentica di nessuno.

 

Cari bettiniani,

quando festeggiammo i 60 anni della società ci rendemmo conto, per ovvi motivi, che non tutti sapevano dell'evento.

Tantissimne  persone  che abbiamo  incontrato o ci hanno telefonato ci hanno detto  "perchè non mi avete chiamato" ?

E' per questo motivo che a me e ad altri come me, "malati" di Bettini,  è venuto il momento di convocare tutti gli amici e di ritrovarci per  essere in tanti.

La mia convocazione,quindi, è rivolta per il 6 marzo a tutte le persone che hanno vissuto con me la società per dieci anni, prima da giocatore e poi da allenatore.

L'obbiettivo è quello di legare con un filo il Bettini di tutti i tempi, da quelli che l'hanno vissuto negli anni cinquanta e sessanta  a quelli che sono passati negli anni ottanta e i primi anni del novanta, prima della fusione con il Cinecittà,che decretò praticamente la fine della società.

Mi appello quindi sia ai miei ex amici, che hanno giocato con me, sia ai miei ex giocatori e alle loro famiglie, che hanno constatato come società del genere non esistono più, ahimè, purtorppo !

Da subito deve iniziare una catena telefonica per dimostrare di essere ancora vivi, almeno nei ricordi, che sono tanti ed indimenticabili.

Fabio Betulli

 

Ho visto sul sito del"nostro Bettini Quadraro" che ogni tanto (forse ogni troppo) qualche ex giocatore (ultimo in ordine di tempo Reali) ha la tremenda
voglia di un tuffo nel passato per rivedere e rivivere dei momenti di ......gloria ma soprattutto di grande amicizia con compagni con cui si è
condiviso una parte di gioventù indimenticabile.

 

 

 

Il problema qual è ? MANCANO LE CONVOCAZIONI.....e allora ho deciso di farle io perchè ognuno di noi la smetta di impegnarsi solo a chiacchiere castrandosi anche le voglie più elementari.
Sono arrivato a queste conclusioni perchè vedo che il sito sta morendo
nonostante l'entusiasmo di tanti e degli altri che si ostinano a
pensare che una bella storia va vissuta fino in fondo se non altro per il
ringraziamento che ognuno di noi deve a Lillo e a tutti gli allenatori e
dirigenti che ci hanno insegnato un modo di essere.

 

 

 

Le mie  CONVOCAZIONI naturalmente non possono che riguardare la mia generazione, ma so per certo che Betulli Fabio e Carlo Vanni in primis, ma anche altri, che ho visto attivi sul sito, si daranno da fare per questa cena di riavvicinamento. La mia data è il 6 marzo e potrebbe cambiare solo davanti a problematiche future.

 

 

 

Scusate il tono ma vi assicuro che la voglia di questa serata(che alcuni di noi hanno già vissuto)e la rabbia nel vedere che le persone stanno perdendo qualsiasi voglia di stare insieme mi fa ......incazzare.

 

 

 

E allora via alle mie convocazioni scusandomi se la memoria mi farà dimenticare qualcuno.
MISTER LELLI - MISTER SILVESTRI-GRANDE BOTTINI sono i primi nomi che mi vengono in mente chissà poi perchè
DI STASI - MOSCONI- QUINTILIANI- LIMITI- SQUADRANI- FLORIO-MONTANARI - D'ELIA - GIULIANI – GIGIONE – RAFFIN - STRINGARO - GIORDANO - GULISANO - GRAZIANI - ROCCA - PELILLO-MORALDI-PUCCETTI - CONTI-ZACCAGNINI – GALLI – BACILE – REALI – SACRAFENA – FALCONETTI PALMIERI – PIEVANI – PLACIDI – STEFANI – SEBASTIANI – CRESCENZI - ANGI - DEGLI SCHIAVI -  CRISCENTI – ASCENZI - CECCOBELLI- TERZINI – MONACO – MOREA-SENESI  e naturalmente TABACCHIERA (artefice della prima serata)
Lo so che probabilmente ne ho dimenticati tanti ma è importante che tutti
quelli che ho ricordato si facciano vivi sul sito(anche con consigli o
ricordi) perchè il passaparola è il miglior veicolo per diventare tanti.

 

 

 

Se ho sbagliato tutto chissenefrega vorrà dire che saremo pochi...ma buoni.

 

 

 

 

 

 

Roberto Bruscolini

 

 

 

 

 
Abbiamo battuto in lungo e largo vecchie liste di giocatori, le pagine gialle e gli elenchi del telefono per rintracciare il maggior numero di persone e farle partecipare a questa festa.
Sarebbe impossibile, per ovvi motivi, rintracciarli tutti !
Tutto quell’esercito di giocatori, allenatori, dirigenti o semplici appassionati che per anni hanno vissuti l’epoca del Bettini Quadraro.
E già…l’epoca. E come dovremmo chiamarla ? In quei giorni in cui ci è balenata l’idea di festeggiare un compleanno, perché di questo si è trattato, tanti sono stati i ricordi accompagnati da foto, articoli del giornale, leggende metropolitane, ma soprattutto i racconti di tanti che hanno incrociato i colori cari al presidente Imbergamo, vero artefice di tutto questo. In ognuna delle tante persone interpellate per essere presenti il 9 giugno è ritornato vivo il pensiero a un calcio che purtroppo ha cambiato i connotati, dimenticandosi della cosa più semplice e banale che corre dietro ad una palla: il gioco. Il 9 giugno 2007 nell’oratorio di Don Bosco abbiamo celebriamo il ricordo ancora vivo di qualcosa che si sta spegnendo, anche se dobbiamo con tutta la forza ricordare ai nostri figli e ai nostri nipoti chi era il Bettini Quadraro e quello che ha rappresentato a Roma, in Italia ed all’Estero. Domani ritorneremo alle nostre arrabbiature, alle nostra quotidianità e ai nostri ricordi conservati gelosamente negli album e nelle sbiadite fotografie, quelle testimonianze vere che celano un velo di malinconia misto alla certezza e alla gioia di dire a tutti: io c’ero!
Grazie Presidente!

 

clicca
clicca clicca clicca clicca clicca clicca clicca
 
Pagine: 1 2

MenuMaker produced NavBar

Titolo
Secondo te è giusto far vivere il sito ?

 No, deve essere oscurato
 Si
 Si, ma deve essere aggiornato

< settembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
spazio disponibile

29/09/2022 @ 09:49:53
script eseguito in 663 ms